La realtà virtuale è tra noi da un po’ ormai ma per ora non ha fatto ancora breccia nei nostri cuori. Come mai? Beh due sono secondo me i motivi principali: prezzi alti e hardware necessario per goderne al meglio non banale. Non è un caso se i due device più diffusi sono anche i due più economici, ovvero playstation Vr e Samsung Gear Vr
Risultati immagini per playstation vrRisultati immagini per samsung gear vr

Il 2018 potrebbe essere l’anno della svolta. Il motivo è semplice: Microsoft è scesa in campo e con accordi siglati ad hoc con i principali produttori, tra cui ricordiamo Acer e Asus,  farà si che anche per sistemi Windows vengano prodotti visori Vr a basso costo. Questa mossa ha già innescato interessanti effetti: Facebook, proprietario di Oculus Rift ( il miglior visore Vr per Windows insieme ad HTC vibe) ha ulteriormente abbassato il prezzo del suo prodotto in modo permanente portandolo sotto i 500€ e ha annunciato un nuovo visore di fascia bassa.

Risultati immagini per acer vr

Vanno poi considerati altri due aspetti: gli sviluppatori stanno imparando a sfruttare al meglio queste tecnologie e i risultati sono giochi e programmi più maturi che non sanno più di tech demo; l’hardware sta costantemente migliorando e se prima per gestire bene un’esperienza VR era necessario un super pc, ora la fascia media può bastare.

Risultati immagini per gtx 1060 vr ready

Dove rende maggiormente la realtà virtuale? Beh sicuramente in campo ludico i giochi che meglio si adattano sono quelli di guida e gli sparatutto in soggettiva. Nei più recenti giochi di guida l’effetto è realmente spettacolare e sembra di essere davvero dentro l’abitacolo di una dream car, abbinato ad un buon kit volante e pedaliera l’effetto è stupefacente, va provato. Negli fps il risultato è molto buono, necessitano però di un ambiente ampio dove muoversi per non fare danni…. Youtube è pieno di video grotteschi a riguardo J

Risultati immagini per battlefield vr

Risultati immagini per racing vr

Va detto che la VR non è solo gioco: si stanno sviluppando software per la visione di eventi sportivi come se fossimo in prima fila allo stadio, così come film e concerti visionabili da varie posizioni con un coinvolgimento davvero notevole.

Come dicevo, attualmente siamo stati poco coinvolti da questa nuova tecnologia, non tutti avevano voglia di spendere 1000€ per un visore, però con i prezzi attuali a pensarci bene può essere addirittura conveniente: nei giochi di guida ad esempio il meglio che si poteva avere era una soluzione a tre schermi. Questa soluzione aumenta l’area visiva e l’avvolgimento rispetto allo schermo singolo, chiaro però che ormai il prezzo di tre buoni monitor è superiore a quello di oculus e dei futuri visori. Ecco che quindi la questione può diventare interessante.

Vi propongo 2 video. https://www.youtube.com/watch?v=AzW6UoncggM Il primo è Project Cars2, gioco di corse appena uscito, giocato attraverso oculus. Vi invito ad andare al minuto 8. Ho scelto questo video perché vedete la testa del giocatore e quello che vede lui, credo che sia il meglio che si può trovare per farsi un po’ un’idea di quanto deve essere coinvolgente la cosa.

https://www.youtube.com/watch?v=gpBYvTK5aK8 il secondo è un concerto di Lorenzo Jovanotti registrato a 360° e sfruttabile con visori VR. E’ come essere sul palco.